Extension capelli: cosa abbiamo per la testa?

I pro e i contro di ogni tecnica di extension

Scritto da Anna Panzali

Anche tu sei del club di quelle che “voglio un taglio netto!” e poi dopo un paio di mesi, guardandoti allo specchio rimpiangi la tua chioma? Oppure, per un qualsiasi problema di salute, i tuoi capelli non sono più belli e folti come una volta?

Dì la verità, quando vedi alla televisione certe attrici ti chiedi come fanno ad avere una chioma da leone e un po’ le invidi? 

No problem girl, non sei la sola, sei esattamente come altri milioni di donne 😉

Il trucco c’è, si chiama “extension” e a volte si vede e altre no, dipende dal professionista a cui ti rivolgi per ottenere quella bellissima chioma e dagli strumenti/materiali che utilizza!

Cosa sono le extension?

Sono delle ciocche o delle fasce di capelli che si “aggiungono” ai tuoi per rendere la tua capigliatura più voluminosa e più lunga.

Ci sono svariati materiali che si possono usare: intanto facciamo una distinzione tra capelli sintetici e capelli veri. Le extension fatte con capelli sintetici sono più economiche, certo, ma il risultato non è paragonabile a quelle realizzate con capelli veri: meno costano, più si noterà la differenza con i tuoi capelli e la sensazione di “capello posticcio” sarà evidente. Le extension realizzate con capelli umani, invece, regalano un effetto molto naturale e si trattano come i propri capelli, ovvero si possono lavare, asciugare, arricciare, piastrare. Ma costano di più!

All’interno della categoria “capelli veri” invece dobbiamo distinguere i Remy Hair, i Non Remy Hair e i Virgin Hair: 

  • I Remy Hair sono al 100% capelli umani, tutti i capelli sono intatti e le cuticole intere e allineate in modo unidirezionale creando extension che sono completamente naturali nell’aspetto; vengono raccolti col metodo della coda di cavallo e tagliati in cima quando hanno la lunghezza corretta. Ciò elimina i problemi di aggrovigliamento che si trovano comunemente nei capelli Non-Remy o di bassa qualità. I donatori possono aver fatto dei trattamenti ai capelli (permanenti, stirature…). 
  • I Non-Remy Hair sono anch’essi capelli umani al 100%, ma vengono raccolti o ordinati casualmente da diverse “fonti” (spazzole per capelli e persino i pavimenti dei saloni). La direzione delle cuticole si confonde, questo rende i capelli aggrovigliati e opachi abbastanza facilmente. Prima che i capelli non Remy vengano venduti, passano attraverso un processo chiamato bagno acido per rimuovere la maggior parte delle cuticole. A causa dell’elevata concentrazione di acido, diminuisce l’umidità naturale dei capelli che si traduce in fili di paglia come capelli. Per coprire questo problema, i capelli vengono poi rivestiti di silicio per contribuire a renderli lucidi e nascondere eventuali difetti o residui cuticole dal bagno acido. A prima vista i capelli non Remy appariranno setosi e lucenti. Dopo alcuni shampoo lo strato di silicone inizierà a diradarsi. I capelli diventeranno lentamente più opachi, fragili e si annoderanno molto facilmente. Questo tipo di capelli non è raccomandato per eventuali extension a lungo termine (per ovvi motivi).
  • I Virgin Hair sono i capelli più preziosi tra tutte le extension in quanto qualsiasi processo chimico come permanente, allisciatura, stiratura chimica e sbiancamento non deve essere usato mentre si “formano” i capelli vergini (al contrario invece dei Remy Hair che possono aver subito stirature, permanenti, colore, etc…). Ciò significa che sono capelli così puri che non sono mai stati trattati, MAI: i donatori non sono mai andati in un salone per farsi acconciare o colorare i capelli! Inoltre, i capelli vergini devono provenire da un singolo donatore (il donatore potrebbe essere indiano, malese, brasiliano, ecc.) e tutti seguono la stessa direzione con una cuticola intatta che significa che è completamente naturale, sana e bella. I capelli non si annoderanno e al tatto resteranno sempre soffici e lisci.

In ogni caso, con le extension di capelli naturali è possibile fare tutto quello che si vuole: lavarli, asciugarli, fare le onde e ripetere non stop le acconciature preferite.

C’è un altro dettaglio da tenere sempre presente per quelle naturali: assicurarsi che non siano frutto di violenza e che siano ricavate rispettando gli standard di produzione della Comunità Europea.

Una delle nazioni che contribuisce maggiormente al commercio di capelli è l’India. Molti fedeli induisti si recano ogni anno presso i templi per rasarsi e offrire i propri capelli alle divinità induiste. Questa pratica fa sì che spesso ciò che dovrebbe essere lasciato “in dono” alle divinità viene invece venduto, guadagnando fino a 7 milioni di dollari americani ogni anno. Un’opzione molto comune è quella di tagliarli alle donne in difficoltà economica in paesi come la Cambogia e il Vietnam. Questa pratica ha spesso implicazioni etiche, poichè i commercianti di capelli spariscono prima del pagamento oppure offrono soltanto 2 o 3 euro. Una pratica ancora più grave, pericolosa e, purtroppo, comune nel commercio dei capelli è quella di tagliare senza consenso i capelli a donne e ragazze, spesso addormentate appositamente.

Questa pratica è diffusa in tutto il mondo: Brasile, Venezuela, Nuova Zelanda e Myanmar sono solo alcuni dei paesi in cui i ladri di capelli sono comuni e molto temuti.

Per evitare tutto ciò, dovresti trovare sulla confezione dei prodotti la dicitura “capelli eticamente corretti“, oppure, se vai dal parrucchiere, assicurati che vengano utilizzati prodotti adeguati ed eticamente sostenibili.

E ora parliamo del metodo per creare la tua nuova chioma. Eh sì, metodi ce ne sono tanti e per tutte le tasche ma non tutti sono davvero sani per i tuoi capelli e, ovviamente, non tutti ti danno lo stesso risultato!

Prima di applicare le extension, inoltre, bisogna considerare la consistenza, la quantità e resistenza dei propri capelli. A volte, infatti, succede che non viene fatta una giusta valutazione della struttura del capello con il conseguente risultato di una chioma rovinata. In questo caso i capelli si presentano deboli, spezzati e nei casi più gravi tendono a cadere. 

Il risultato peggiore potresti averlo con i metodi fai da te: bisogna assolutamente evitare questi metodi non solo per il risultato davvero pessimo, ma soprattutto perché potresti rovinare talmente tanto i tuoi capelli da vederli poi cadere a ciocche! Se proprio vuoi fare da sola, prendi in considerazione anche le extension a clip. Queste consistono in capelli sintetici o umani attaccati alla base delle clip per capelli e che consentono di allungare la chioma temporaneamente. Sono la tipologia di extension per capelli più economiche presenti sul mercato e sono anche quelle più semplici da applicare. Ricordati però che devono essere riapplicate quotidianamente quando cominciano a staccarsi e cadere.

Extension clip

Se ti rivolgi ad una professionista esperta invece è giusto che tu conosca prima quali sono i vari metodi che ti potrebbe proporre e quali i loro pregi e difetti, per fare una scelta più consapevole.

METODO MICRORING/CAPELLI AD ANELLO: ogni ciocca viene applicata alla base di una ciocca dei tuoi capelli con una pinza che stringe un anellino attorno alle due ciocche (la tua e la nuova); possono essere utilizzate per allungamento, oppure per giochi di colori e contrasti personalizzati, sono sconsigliate per l’infoltimento. La durata di queste extension va da 2 a 3 mesi a seconda del tuo capello e soprattutto della tua ricrescita.

Questo metodo non prevede l’uso di colle e sostanze adesive a caldo ma per il fissaggio le extension, come dicevo prima, vengono unite ai capelli naturali per mezzo di appositi anellini in rame o alluminio ipoallergenico con rivestimento in silicone, che vengono fissati con un’apposita pinza. Gli anellini esercitano inevitabilmente una pressione sulle ciocche di capelli naturali a cui vengono fissate. Se ne sconsiglia, pertanto, l’uso a chi ha capelli fragili, sottili e sfibrati. Gli anellini, inoltre, possono causare microlesioni durante il sonno o durante lo shampoo. Non dà assoluta sicurezza di tenuta delle ciocche, probabilmente è il meno sicuro a questo proposito. Il colore degli anellini, poi, è facilmente notabile da chiunque e questo rende l’effetto artificioso.

Extension microring

FASCE BIOADESIVE (TAPES): Viene selezionata una sottilissima fetta dei tuoi capelli di 3 cm e messa nel mezzo di 2 TAPES che purtroppo hanno un peso maggiore della fetta dei capelli selezionata; questo potrebbe, se le porti per molto tempo, danneggiare i tuoi capelli e di conseguenza il bulbo pilifero.
Questa tecnica è utilizzata e consigliata per allungamenti parziali per piccole zone, per un allungamento provvisorio o di necessità; tipo un evento, una serata, una cerimonia. Non potrai fare un acconciatura raccolta perché potrebbero vedersi le attaccature biadesive e peggiorare il dolore della trazione che le fasce biadesive esercitano sui tuoi capelli. La rimozione è rischiosa, perché se non si satura bene con il liquido che scioglie la colla si rischia di strappare i capelli e danneggiare il cuoio capelluto.

Extension con fasce bioadesive

CIOCCA SINGOLA CON CHERATINA: viene fatta a caldo o a freddo con ultrasuoni utilizzando la cheratina, una proteina che viene scaldata per fungere da collante. Ha un bellissimo effetto e dura nel tempo ma lo svantaggio è che danneggia il capello naturale e, cosa più grave, fa cadere i capelli alla base e non sempre ri-cresceranno. Se la ciocca che viene selezionata alla base non è pulita e geometricamente perfetta con la giusta quantità di capelli o la ciocca extension applicata ha un peso maggiore della ciocca che la ospiterà, nel giro di un mese sembrerà di avere pidocchi nella testa, un prurito che nemmeno immagini e i tuoi capelli potrebbero cadere. È senza dubbio la tipologia che garantisce il risultato migliore da un punto di vista estetico, ma può essere che le colle fissanti troppo calde danneggino i capelli o creino irritazioni alla cute. È pertanto da evitare se si hanno capelli fragili e rovinati.

TECNICA A TESSITURA A FASCE O SU TRECCIA: è una tecnica che permette di sostituire i capelli naturali con quelli delle extension, sono fasce cucite o intrecciate. Si tratta di una tecnica che prevede la realizzazione di treccine, seguendo la linea della testa, con i propri capelli naturali. In questo modo si va a creare il “terreno” adatto per l’applicazione delle extension. Dopo, semplicemente utilizzando ago e filo, si “cuciono” le fasce di extension alle trecce aderenti alla testa, creando così un look naturale.

C’è da dire però che le fasce di extension vengono cucite aderenti alla testa, applicate vicinissime alla radice esercitando trazioni molto dolorose. Questa tecnica è usata spesso dalle donne che hanno capelli molto ricci, fitti e molto forti ad esempio donne afro, sud americane o di altra etnia purché abbiano capelli con le suddette caratteristiche. Questa tipologia di capello, infatti, ha la forza per poter sorreggere la trazione della cucitura o intreccio fra capelli ed extension. È una tecnica alquanto dolorosa e dannosa per la salute dei follicoli, sconsigliatissima per chi ha capelli sottili e lisci perché i capelli quando vengono lavati e acconciati subiscono dei gravi traumi, danneggiando i follicoli che potrebbero cessare la crescita dei capelli.

Esistono dei metodi di tessitura che si sono evoluti, rispetto al metodo appena detto, per venire incontro alle donne occidentali che necessitano di un fissaggio più delicato per la salute del loro cuoio capelluto e anche più raffinato dal punto di vista estetico in quanto, con i loro capelli molto meno folti e voluminosi, la “tessitura afro” potrebbe vedersi: ad esempio la TECNICA BRASILIANA FILO A FILO (NODINO BRASILIANO) è una tecnica di annodamento “ciocca a ciocca” ovvero la testa della cliente viene completamente suddivisa in piccolissime ciocche, a ciascuna delle quali viene fissata una ciocca di extension con un filo speciale. L’allungamento può essere parziale o completo ma senza fare uso di prodotti chimici, quali resina o cheratina: viene eseguito un nodo alla base della ciocca che viene fissato successivamente con un filo elastico.

Questo metodo è molto sicuro, non aggredisce assolutamente i capelli e l’effetto finale è praticamente identico a quello delle extension classiche: permettono un infoltimento compatto dei capelli rendendoli più naturali e omogenei. I capelli usati possono essere riutilizzati ed essendo naturali possono essere colorati a tuo piacimento. Questa tecnica si adatta a tutti i tipi di capelli lisci, crespi, ricci e a tutti i colori. Durano circa tre mesi, ma possono essere riapplicate più volte. Il suo difetto è che è meno rapido rispetto agli altri, ma i risultati sono molto più stabili, e si può applicare a quasi tutti i capelli. Non permette però di seguire la ricrescita! 

Extension nodino brasiliano

Qualsiasi tecnica scegliate, dunque, ora sapete i pro e i contro perciò rivolgetevi ad una professionista seria e di cui avete davvero fiducia e godetevi il vostro nuovo look da Rapunzel! 🙂

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: