Rebecca, Le Janas e il carro di Nannai

Scritto da Simona Melis

Il libro è un viaggio incredibile in Sardegna, scritto per bambini, a loro dedicato ma una porta che permette agli adulti di viaggiare nella meravigliosa terra magica per conoscerla nella sua essenza più vera.

Attraverso le pagine, in un cammino che coinvolge cuore ed anima, si snodano sei racconti nei quali le protagoniste, le sorelle Rebecca e Caterina, apprendono l’importanza della magia e l’uso degli occhi della fantasia.

Perché alcuni bambini crescendo si dimenticano come si usano gli occhi della fantasia. Iniziano a credere che la magia sia una cosa grande come una montagna, incredibile come un mondo con il cielo al contrario, impossibile come le nuvole verdi e il sole viola e invece la magia ci sta proprio sotto il naso…”

La lettura trasuda di saggezza sarda ed è palese che la sua scrittrice Claudia Zedda abbia una conoscenza profonda delle creature fantastiche e del loro significato legato ai valori della vita.

Si torna ad essere bambini e si riflette mentre si conosce Giobiana la jana di lana, alta e sottile, amica di Tzia Nanna. La tradizione delle antiche arti abbraccia l’ecologia, la generosità e la meraviglia.

Ci si coinvolge fino alle lacrime nella lettura della Storia di Maura che si trasforma in un lago dopo la sua morte, per rimanere vicino alla propria bambina e si riflette sul senso dell’assenza  come passaggio e sui simboli che fanno sentire meno soli.

“..Siediti a fianco al laghetto, metti i piedini e le mani a mollo e concentrati. Ma fallo seriamente e pensa intensamente a quello che vorresti. I buoni pensieri, piccola mia, attirano la buona fortuna

Si accompagna con gioia la ricerca di Maestrale per potergli consegnare gli occhiali, momentaneamente persi, tutto si risolve con la collaborazione tra amici e la scoperta delle  antiche tradizioni per il richiamo dei venti.

E mentre i tre chiacchieravano, il piccolo scarabeo, chiamato all’occorrenza Giuseppino, tentava freneticamente di rimettersi a zampette a terra e più veloce le muoveva, più si levava un vento freddo e pungente. Maestrale si stava risvegliando.”

Nel racconto di Sa mamma ‘e su mare si viaggia fino in Irlanda per incontrare le creature fantastiche di quest’isola simile alla Sardegna. Il messaggio più forte è quello della similitudine tra paesi lontani, legati con un filo sottile di profonda vicinanza. 

Quella piccola creatura aveva una voce da incantatrice. Per rispondere a Rebecca si voltò guardandoli lentamente, uno a uno. Era dotata di lineamenti delicati e attraenti, e con gli occhi scintillanti come la madre perla.”

Nel mistero di Su Carr’e Nannai, da sardi, si torna ai racconti dell’infanzia, quando si immaginava di vederlo questo carro che si muove nel cielo. Nel ciclo delle stagioni,  il periodo di Natale è  ricco di magia, tra il profumo dei mandarini e la preparazione delle decorazioni.

All’interno di quella casa, dal tetto rosso argilla e comignolo alto, circondata da un breve recinto che proteggeva l’orticello domestico, tutto profumava di buono.”

Dal Natale, si arriva al Carnevale, con il racconto sulle maschere e l’incontro con Tziu Nannai, Giovanni, un artigiano che mostra a Rebecca la magia di chi intaglia, crea e vede la forma prima della sua realizzazione.

Rebecca si voltò verso il vecchio e che sorpresa ebbe nel vederlo circondato da una confusa luce azzurra che ne muoveva la barba lunghissima! Sul finire era legata da una treccia color delle nuvole.”

Con una scrittura semplice e chiara, un immaginario ricco e curato nel dettaglio, la presenza di un ricettario e di un erbario, il libro è una grande scoperta e la sua lettura è un passaggio obbligato per tutti coloro che amano la Sardegna e le sue preziose e antiche ricchezze.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: