Uova di Pasqua fai da te

Come realizzare decorazioni pasquali

Scritto da Anna Panzali

Ebbene sì, sta arrivando un altro di quei momenti dell’anno in cui non sai se essere felice o se scappare in un’isola deserta!

Sta arrivando la Pasqua e con essa le famigerate (per noi genitori) e meravigliose (per i bambini) VACANZE DI PASQUA!!!

Visto che per questo motivo avremo i nostri bambini a casa h 24 (anche se c’è già qualche bambino a casa da settimane per colpa della simpaticissima DAD, che qualcuno ci salviiiii!!) propongo di distrarci un po’ insieme a loro con dei piccoli ma sfiziosi lavoretti pasquali.

Hai mai giocato alla caccia alle uova? In casa mia, durante la settimana precedente la domenica di Pasqua, decoriamo o creiamo delle uova che poi il coniglietto pasquale ci ruberà per trasformarle in uova di cioccolato nascondendole qua e là in modo che i bambini le debbano cercare.

Per fare delle uova (e non decorare quelle vere così non le sprechiamo!) abbiamo bisogno di:

Materiale necessario per i lavoretto pasquale

Cominciamo col far strappare tante tante strisce di carta igienica ai bambini come nella foto (vedrai quanto si appassioneranno, i mostriciattoli sono esperti nell’arte della distruzione!). Nel frattempo noi mamme gonfiamo d’aria le bombette d’acqua in modo da farle diventare come delle grandi uova, la dimensione sceglietela voi, o meglio, la scelgono i vostri polmoni, e vi assicuro che non è una passeggiata 🥴

In un bicchiere di plastica mischiamo della colla vinilica con dell’acqua fino ad ottenere un liquido lattiginoso non troppo acquoso.

A questo punto tutto è pronto per iniziare la creazione delle nostre uova: con pazienza e tenacia, prendiamo due o tre strisce di carta igienica per volta e le attacchiamo al palloncino (tenendolo dal “picciolo”) spennellando il liquido colloso ottenuto con i nostri pennelli. La carta si deve imbevere il tanto giusto da rimanere attaccata al palloncino ma senza colare.

Dovete ripetere l’operazione tantissime volte, strato su strato, fino a che il colore del palloncino non è completamente sparito e il palloncino completamente ricoperto (tranne il “picciolo”). A seconda dell’età dei bambini la nostra partecipazione sarà più o meno attiva!

Adesso non resta che appendere le uova al filo da stendere al sole oppure su un termosifone o anche lasciarle appese senza fonte di calore ed attendere sinchè non diventano dure (ci voglio 24/48 ore a seconda di quanti strati avete fatto).

Quando le uova saranno dure tanto da farle risuonare quando si appoggiano sul tavolo, possiamo decorarle. Qui sta alla creatività di ognuna di noi e dei nostri figli: con le tempere (non con gli acquerelli) potete fare forme geometriche, paesaggi, faccine con occhietti mobili, ricoprirle di glitter dopo aver spennellato nuovamente con la colla, attaccare con la colla a caldo dei diamantini o delle paillettes, potete completare la decorazione con dei bei fiocchi in cima… Sottolineo soltanto che la superficie non sarà completamente liscia ma un po’ rugosa perciò non si può lavorare troppo nei particolari.

Una volta che anche i decori si sono asciugati e ben fissati, passate all’ultima fase, la vera magia, quella che farà rimanere a bocca aperta i bambini: infilate uno spiedino o uno spillone, nel punto in cui fuoriesce il “picciolo” del palloncino e POFFF! il palloncino piano piano si sgonfierà senza esplodere ma staccandosi dalle pareti di carta igienica ormai dure e lo dobbiamo estrarre tutto intero dal buchino dell’uovo.

Vedrai come i bambini resteranno stupiti!

Una variante carina è quella del pulcino: non decorare le uova diventate dure ma togli da dentro il palloncino (come ho detto prima) e, con delle forbicine appuntite, taglia in due parti non uguali l’uovo come se si fosse schiuso (lascia le due parti attaccate per 2 cm); poi con la carta velina o crespa gialla fai due palline, una più grande dell’altra e sovrapponile incollandole con la colla a caldo. Disegna degli occhietti e il becco nella pallina più piccola e infila il pulcino nell’uovo. Se vuoi puoi ritagliare del cartoncino arancione per fare le zampe che escono dal guscio. Ed ecco il tuo  pulcino pasquale!

Se non hai bambini, è comunque un bel lavoretto da fare e da usare come decorazione per la tavola del Pranzo Pasquale o per segnaposto (puoi scrivere i nomi degli invitati sopra) o anche come cadeaux per gli ospiti.

Buon divertimento!! 😊

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: